verbale del Comitato genitori del 18 dicembre 2002

Verbale dell’incontro del 18 12 2002 del COMITATO GENITORI BAMBINI NON VEDENTI O CON GRAVI MINORAZIONI VISIVE

Agenda
Stato dei progetti 2003:
modalità per promuoverli e sostenerli
Proposta dell' Istituto F. Cavazza sul coinvolgimento periodico del Dr. Bizzi
UIC provincia di Bologna: quale impegno e ruolo chiedere tramite il neo consigliere Francesco Stefani per sostenere e promuovere i progetti
resoconto delle attività e degli impegni per il 2003 della 1° riunione del 12/12/2002 del gruppo di lavoro tra ASL e genitori rappresentanti del Comitato
Comunicazione esterna
informativa alle Istituzioni: stato di avanzamento
portale web per il comitato: stato dell'arte
estensione della partecipazione al Comitato Genitori: contatti con altri genitori per illustrare gli obiettivi e le modalità con cui il comitato opera
Varie
Presenti
Genitori
Stefani Francesco
Branchini Alessandra
Marmo Carmine
Malaguti Monica;
Cevenini Stefano (verbale)
Teloni Enrico
Distribuzione
Copia a: presenti+ membri comitato genitori
Copia pc : al Presidente dell’ Unione Italiana Ciechi della provincia di Bologna + referente Istruzione
al Direttore Istituto F. Cavazza / Coordinatore del Comitato Territoriale di Coordinamento
Argomenti trattati
Info generali
Francesco Stefani, membro del Comitato Genitori è stato eletto nel Consiglio Direttivo dell’Unione Italiana Ciechi della provincia di Bologna. Francesco Stefani porterà al Consiglio dell’UIC i punti e le richieste e le modalità di procedere discusse e decise nella riunione odierna e nelle successive.
Stato dei progetti 2003
Di seguito si riportano i progetti riportati nel verbale del 08/11/2002 decisi e discussi nella stessa riunione e in quelle precedenti. :
¬ Percorso educativo e di sostegno nelle fasi di sviluppo e crescita dei bambini – Lo scopo è quello di affrontare, attraverso valutazione di specialisti, le migliori strategie per superare ed ovviare alle situazioni emotive, conoscitive e fisiche che coinvolgono i bambini nelle varie fasi ed età; che si manifesta nelle situazioni scolastiche, nella famiglia nell’ambiente esterno e circostante ed in generale durante i processi di integrazione emotiva, relazionale e fisica con i compagni, gli adulti e l’ambiente circostante.
¬ Percorso educativo e di sostegno ai genitori – Lo scopo è quello di fornire alle famiglie ed ai genitori le strategie ed i mezzi per conoscere e superare i vincoli emotivi e relazionali che riducono e si oppongono alla vita quotidiana.
¬ Estensione del progetto di psicomotricità e delle dinamiche motorie nelle scuole dei bambini in età elementare. – Lo scopo della sperimentazione è quello di integrare i bambini non vedenti coi compagni di scuola durante l’attività motoria e ludica istituzionale.
Dalla discussione di come procedere emerge e si decide quanto segue:
1. I genitori ribadiscono l’importanza e la volontà di interagire nei gruppi o direttamente con le Istituzioni: Istituto F. Cavazza, ASL; Scuola così come deciso all’atto della costituzione del Comitato ed in seguito ribadito nei verbali delle riunioni dell’anno 2002.
2. I genitori richiedono di partecipare alle fasi salienti dei progetti per poter discutere le modalità, gli obiettivi e garantire che gli stessi rispondano alle effettive necessità dei bambini e degli stessi.
Monica Malaguti e Antonella Epifani hanno partecipato in qualità di genitori alla I riunione del gruppo di lavoro ASL definito dal Dr. Capurso il 12/12/2002. Monica Malaguti relaziona sui risultati della riunione:
¬ l’ASL creerà presumibilmente nei primissimi mesi del 2003, un laboratorio con materiale tattile ed uditivo e istituirà un servizio di consulenza di un pomeriggio al mese che sarà fruibile tramite richiesta dei genitori. Il dr. Capurso auspica la presenza ed invita i genitori a partecipare al gruppo di lavoro per l’offerta dei consigli ed i suggerimenti che gli stessi sono in grado di proporre. Il prossimo incontro si svolgerà alla fine di gennaio 2003.
E’ stata accolta con soddisfazione la proposta fatta dell’Istituto F. Cavazza relativa alla consulenza periodica Dr. Bizzi ai bambini in età scolare. Saranno presi i contatti per conoscere le modalità degli interventi. Si consiglia di preparare un piano degli incontri con i bambini che intendono usufruire della consulenza-
Il comitato genitori avrebbe piacere d’incontrare l’Istituto F. Cavazza; Nell’anno nuovo saranno presi contatti con l’Istituzione per organizzare un incontro.
Comunicazione esterna
Ad oggi è stata spedita l’informativa della costituzione del Comitato Genitori al dirigente scolastico dr P. Marcheselli. I genitori chiedono e ribadiscono la necessità di informare tutte le altre Istituzioni ed Enti; in particolare: l’ASL i Neuropsichiatri, i referenti di Quartiere.
I genitori prenderanno contatti con le altre associazioni e/o Comitati genitori per favorire lo scambio di attività ed opinioni. Si decide di inviare l’informativa predisposta e già spedita al Dr. P. Marcheselli alle liste ed ai portali del settore.
Lo spazio web per il comitato genitori non è stato ancora attivato; l’UIC di Bologna sta vagliando alcune possibilità e proposte. Si prevedono tempi abbastanza lunghi. Si ribadisce l’importanza dello spazio web quale mezzo di contatto diretto e “democratico” tra i genitori sia del comitato sia esterni ad esso e le Istituzioni che operano. Esistono delle alternative già pronte ed utilizzabili da subito. F. Stefani riferirà al Consiglio sulla necessità e sulle eventuali scelte alternative. Nella prossima riunione il comitato in caso di ritardo deciderà sulle offerte alternative
Varie
Si decide la prossima riunione: il 06/02/2003 via Murri 179 ore 21.00

22/12/2002 sc

carica qui il file rtf relativo al documento: